Leoluca, Totò e l’importanza (ma non per sempre) di chiamarsi Orlando