Draghi senza siciliani. I delusi ora puntano ai posti di seconda fila