Premio Cuomo 2019 a Dacia Maraini e Pippo Marra

Roma – Due Premi alla Carriera: per la Letteratura alla scrittrice Dacia Maraini e per il Giornalismo Giuseppe Marra, editore del Gruppo Gmc  Adnkronos.  Un Premio speciale internazionale all’ex Direttore Generale dell’Unesco Federico Mayor Zaragoza.  E riconoscimenti ad altri importanti intellettuali, che rappresentano l’eccellenza nei settori del giornalismo e della saggistica, della letteratura e dell’arte: il vice direttore vicario del Corriere della Sera e direttore del Magazine 7 Barbara Stefanelli,  la scrittrice Chiara Gamberale,  l’imprenditore Brunello Cucinelli,  gli storici  Andrea Graziosi e Giovanni Mario Ceci,  l’attore e regista Corrado D’Elia,  l’attore Felice Panico,  il direttore d’orchestra  Gianna Fratta e due grandi esponenti dell’arte contemporanea Michelangelo Galliani e Tito Rossini.  Un award speciale all’artista Luca Maria Patella. Premiati anche Giuseppe Ricci, Chief Refining & Marketing Officer Eni per le attività in ambito di sostenibilità ambientale portate avanti dal gruppo Eni, il missionario e medico Fra Fiorenzo Priuli,  la Fondazione Carano 4 Children impegnata ad aiutare i bambini in difficoltà e Claudio Manzo per la sua iniziativa solidale a sostegno delle famiglie dei piccoli ricoverati all’Ospedale Bambino Gesù.

Sono questi i vincitori della VI Edizione del  Franco Cuomo International Award, il premio intitolato allo scrittore, giornalista e drammaturgo scomparso nel 2007, che si tieni su iniziativa dell’Associazione Il Meglio della Puglia con il patrocino dell’European Center for Peace and Development (ECPD). Un riconoscimento che si propone di valorizzare nuove forme di espressione culturale, sociale e umana nel segno dell’opera di Cuomo, intellettuale sensibile e raffinato che sapeva analizzare l’agire umano e il mondo da molteplici punti di vista e che ha raccontato il suo tempo, attraverso la cronaca, la storia, i suoi romanzi e le sue pièce teatrali. La cerimonia si terrà mercoledì 4 dicembre 2019 alle ore 16.00 nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani a Roma (Via della Dogana Vecchia, 29). Introdurrà la senatrice Assuntela Messina. Presenterà la manifestazione il giornalista Giampiero Marrazzo.

 

Sezione Arte

Due grandi protagonisti del panorama artistico italiano, Michelangelo Galliani e Tito Rossini, sono i vincitori per la Sezione Arte del Franco Cuomo International Award 2019. Conosciuti e apprezzati moltissimo anche all’estero, entrambi rappresentano l’eccellenza della creatività italiana contemporanea. In particolare Michelangelo Galliani ha ottenuto il riconoscimento per “la sua originale produzione scultorea e per la speciale sensibilità con cui sperimenta nuove modalità espressive” e Tito Rossini per “l’originalità della cifra pittorica e lo straordinario lirismo metafisico”.

Tito Rossini, nato nel 1963 a Formia dove vive e lavora, si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma, ha partecipato alla Quadriennale Romana del 1996 e nel 2011 alla 54° Biennale di Venezia. Nel 2013 gli è stata assegnata la Medaglia del Presidente della  Repubblica alla XXIV Edizione del Porticato Gaetano. Dal 2017 una collezione di sue 38 opere è collocata permanentemente presso la sede del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre, per la Collezione d’Arte Contemporanea dell’Ateneo Romano. La specificità del suo linguaggio pittorico, nel corso degli anni, gli ha conferito il profilo di un autentico creatore di forme e di immagini, che costituiscono un vero e proprio idioletto linguistico, con un segno ben riconoscibile nel panorama artistico, al punto da fargli acquisire  la dimensione  e la statura di un artista di rango. Il suo percorso creativo, scavalcando il tempo, riannoda i fili delle migliori esperienze del secolo, in particolare della Scuola Romana, con aperture altre, verso suggestioni analitiche e metafisiche (Morandi, De Chirico), oltre che con   propri e originali esiti espressivi.

Michelangelo Galliani scultore figlio d’arte – il padre è il pittore Omar – è nato nel 1975 a Montecchio Emilia, Reggio Emilia. Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Carrara imponendosi sin da subito come giovane talento. E’ titolare della cattedra di Tecniche del Marmo e delle Pietre dure presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino. Tratta la scultura quasi come un progetto di design e lavora in maniera unica la materia plasmando dal marmo e dal piombo forme di straordinaria modernità. La sua esperienza creativa rinvia, in primo luogo, a una idealità artistico-estetica che incorpora la relazione con l’arte del passato, fonte di continua ispirazione, ma anche il senso antropologico e storico -esistenziale della presenza dell’uomo e del suo destino nel mondo. La sua energia artistica e vitale si estrinseca, pertanto, in un’arte basata su una dinamica plastico-simbolica, di impianto figurale, che si proietta sul versante della metamorfosi e della trasformazione organica, colta nelle sue angolature, scorci e parzialità visive: tutte espressioni della sua sensibilità verso il mondo moderno e i suoi problemi, frutto delle stratificazioni del tempo e della storia.

Scheda del Premio

Il ‘Franco Cuomo International Award’, nato nel 2014 e  presieduto da Velia Iacovino e Alberto Cuomo è il premio intitolato allo scrittore, giornalista e drammaturgo scomparso nel 2007; un riconoscimento che si propone di valorizzare nuove forme di espressione culturale, sociale e umana nel segno dell’opera di Cuomo, intellettuale sensibile e raffinato che sapeva analizzare l’agire umano e il mondo da molteplici punti di vista e che ha raccontato il suo tempo, attraverso la cronaca, la storia, i suoi romanzi e le sue pièce teatrali.

L’iniziativa, che ha il patrocinio dell’ECPD, il Centro Europeo per la Pace e lo Sviluppo-Università della Pace delle Nazioni Unite, intende stimolare il dibattito nazionale e internazionale intorno ai grandi temi sociali, premiando quanti, tra i protagonisti del nostro tempo, si sono distinti nella Letteratura, nel Giornalismo e nella Saggistica, nel Teatro e nell’ Arte, ma anche in altri importanti segmenti della nostra società. Main sponsor del ‘Franco Cuomo International Award’ è “Il Meglio della Puglia”, la prima Associazione di Capitanata (Provincia di Foggia) che ha come obiettivo la valorizzazione e diffusione delle eccellenze del territorio.

Il premio si avvale di una prestigiosa Giuria di respiro internazionale, guidata dall’ispanista e critico d’arte Otello Lottini, e di cui fanno parte Paolo Acanfora, docente di Storia contemporanea alla Iulm di Milano Samir; Al Qaryouti, giornalista, decano della stampa estera, opinionista di France24; Emilia Costantini, giornalista del Corriere della Sera, critica teatrale e scrittrice; Maria Pia Fiorentino, giornalista e direttore dell’Eterno Ulisse; Piero Gambale, dottore di ricerca in diritto pubblico comparato e funzionario parlamentare; Piotr Salwa, direttore dell’Accademia Polacca delle Scienze di Roma, già docente di letteratura italiana all’Università di Varsavia; Maurizio Scaparro, regista.

NOTE BIOGRAFICHE

FRANCO CUOMO

“…desideravo scrivere intensamente, facevo il giornalista ma non mi bastava”

Dagli esordi teatrali con Carmelo Bene, alla saga di Gunther d’Amalfi, cavaliere templare con cui fu finalista due volte al Premio Strega, a “I Dieci”, il saggio che ha squarciato il velo di silenzio sugli scienziati italiani che elaborarono il Manifesto della razza: la storia è il sottile filo rosso che lega tutta la produzione di Franco Cuomo, giornalista e scrittore, scomparso a Roma il 23 luglio 2007, tra gli autori italiani contemporanei più interessanti, poliedrici e originali. Che si trattasse di lontano medioevo o dei nostri giorni, Cuomo amava indagare nelle pieghe e nei misteri che scandiscono il corso dell’umana vicenda. Tra i suoi testi teatrali più famosi “Caterina delle Misericordie”, “Giovanna d’Arco e Gilles de Rais”, “Nerone”, “Una Notte di Casanova”, “Addio Amore” che ricostruisce la tragedia di Beatrice Cenci, una celebre traduzione del “Cyrano” di Edmond Rostand e del “Caligola” di Camus. Tra i romanzi, l’ultimo è stato il “Tradimento del Templare”, pubblicato nel 2008 da Baldini Castaldi Dalai;  “Il romanzo di Carlo Magno” in 5 volumi (Newton Compton 1998-2000 ), “Il signore degli Specchi” (Newton Compton 1991),” “Scroll” (Solfanelli 1990), dedicato a Shakespeare, “I Semidei” (Rusconi 1995) che racconta gli anni e i protagonisti di tangentopoli, “I sotterranei del cielo” (Baldini Castaldi Dalai 2001), “Il Tatuaggio” (Baldini Castaldi Dalai 2002), “Anime Perdute” (Baldini Castaldi Dalai 2007). Tra i saggi di Cuomo, tradotti anche all’estero, grande successo hanno riscosso oltre a “I Dieci”:” L’elogio del Libertino”, “Gli ordini cavallereschi nel mito e nella storia”, ripubblicato in due volumi con il titolo” La cavalleria” e “L’altra cavalleria” dalla casa editrice Tipheret, “Le Grandi Profezie”, “Storia ed epopea della Cavalleria”, “Santa Rita degli Impossibili”.