La maxi-frode di Augusta, i prestanome arruolati alla mensa dei poveri