Palermo, salviamo le parole in estinzione