Sicilia, aspettando il Ponte e la Tav serve la continuità territoriale