Tra il Caravaggio, l’Efebo e il Satiro gli appetiti di Cosa nostra per l’arte