La verità (vi preghiamo) sulla “munnizza”